Memorabilia: Jorge Juary

Avanzava tra gli scaffali del supermercato GS sorreggendosi sulle stampelle, dopo il grave infortunio procuratosi al termine del girone d’andata, che lo aveva messo fuori dai giochi fino al termine del campionato 1980/81. Quello del meno cinque e del terremoto.

A dieci anni, io ero timido all’eccesso. Ma l’occasione era troppo ghiotta: l’autografo di Juary.

Vergato sul retro di un cartoncino di auguri (un battesimo?) frettolosamente estratto dalla borsa di mia madre: eccolo, l’autografo del campione, su cui poi incollai una foto in bianco e nero ritagliata da qualche giornalino.

juary

 

Annunci

Memorabilia: Geronimo Barbadillo

Di Geronimo Barbadillo ricordo le gambe arcuate, i capelli afro, le serpentine sulla fascia destra e le interviste del dopo partita, tutte uguali: “Io creo che Avellino giugado bene e creo che deve continuare a giugare così para poder restare in serie A”.
Questo era Barbadillo, e questo è il suo autografo.

image